Italiano Deutsch English

Foce del Po di Volano

 

L’ambiente
Il comprensorio individuato comprende l’area della foce del Po di Volano dal ponte di Volano allo sbocco in Sacca di Goro e l’ambiente denominato Peschiere e ciò che rimane della porzione meridionale della ex Valle Falce. L’apparato di foce del Po di Volano si articola in due rami, entrambi rivolti verso nord-est, ossia verso l’interno della Sacca di Goro. Il ramo più orientale è stato recentemente separato da Volano e suddiviso in tronchi, con precarie intercomunicazioni, il ramo occidentale è la foce oggi attiva e lambisce, con la sua riva sinistra, le Peschiere. Queste sono una palude salmastra in diretto contatto col mare presso il Taglio della Falce. Il Taglio della Falce è costituito da un’insenatura marina situata immediatamente a nord della foce del Volano e che limita a S il Bosco della Mesola. Rappresenta la bocca lagunare attraverso cui la Valle Giralda (bonificata nei 1960) e la Valle Falce (prosciugata nel 1969) comunicavano con la Sacca di Goro e quindi con il mare.

Il prosciugamento di Valle Falce ha causato un forte abbassamento della falda acquifera e la conseguente morte degli esemplari più vetusti del limitrofo Bosco della Mesola. Quest’ultima palude (assieme ad altri due piccoli stagni adiacenti alla Valle Canevié) costituisce l’Oasi di Foce Volano Le acque hanno salinità in genere piuttosto bassa perché, nonostante l’area sia in comunicazione con la bocca a mare della Sacca di Goro, risentono molto dell’apporto di acqua dolce dal Po di Volano (Bondesan in Corbetta 1990).

La flora
La Foce del Po di Volano, le Peschiere e il Taglio della Falce e sono caratterizzati da canneto alofilo a Phragmites australis e da pochi specchi di acque aperte, sono inoltre presenti praterie a Ruppia cirrhosa. Nell’area al confine con il Taglio della Falce, un prato salso a Juncus maritimus (Sint. Puccinellio festuciformis-Juncetum maritimi) accompagnato da Aster tripolium, Limomnium serotinum, Puccinellia palustris, e una piccola macchia termofila (Sint. Quercion ilicis) dominata da leccio (Quercus ilex) e caratterizzata inoltre da Phillyrea angustifolia, Asparagus acutifolius, Clematis flammula, Rubia peregrina, Ruscus aculeatus, Osyris alba e Rosa sempervirens, miste a specie mesofile (Corticelli 1999, Pellizzari e Pagnoni 1998).

La fauna
Nei canneti della foce (zona Peschiere) è insediata una delle colonie di airone rosso più importanti d’Italia (210 coppie). Il Po di Volano è un’importante zona di risalita per la cheppia (Alosa fallax ssp. nilotica). Inoltre, nel tratto di acqua dolce vive un abbondante popolamento di triotto, mentre alla foce sono presenti ghiozzetto cenerino e ghiozzetto di laguna.
Nei canneti nidifica anche il falco di palude (Costa 1998).

Per visitarla
Un percorso turistico naturalistico attualmente non gestito permette di andare dalla punta NE di Porticino passare a S del Taglio della Falce fino e costeggiare le Peschiere fino al ponte di Volano.
Un pista ciclabile si sviluppa lungo l’argine da Passo Pomposa fino a Torre della Finanza.

Tipologia Lanche fluviali, canneti
Cartografia CTR 1:25.000 - 187SE; 205 NE
Estensione  
Comune Codigoro
Proprietà Peschiere: Demanio dello Stato, Opere Idrauliche di II categoria

Taglio della Falce: Regione Emilia Romagna

Gestione Provincia Ferrara ed ex ASFD

Vincoli
Vincolo Paesaggistico (L. 1497/39) ed ambientale (431/1985). Queste ultime due disposizioni vengono abrogate, sostituite ed integrate dal D.L. 490/1999 attualmente vigente. Il vincolo idrogeologico, ai sensi del RD 3267 del 1923 è apposto, per quanto riguarda il sito perimetrato, a nord di Lido di Volano, nell’area immediatamente prossima alla RNS (Chiusa del Po di Volano).
Oasi di Protezione Faunistica istituita con Del. C.P. 295/10011 del 01/08/1979 denominata “Cannevié, Foce Volano”.
Il sito è incluso nella perimetrazione del Parco del Delta, ai sensi della L.R. 27/1988 e dei Piani Stazione Volano-Mesola-Goro 1991 e 1997 (Zona B.FLU; B.PAL; B.AGR).
Quasi completamente incluso nella Zona Ramsar denominata “Valle Bertuzzi e specchi d'acqua limitrofi”, istituita con D.M. 13 luglio 1981 (G.U. n. 203 del 25/7/81).
ZPS (IT4060016) denominata “Sacca di Goro, Valle Dindona, Foce del Po di Volano” ai sensi della DIR 79/409 CEE (4127 ha). SIC (IT4060005) denominato “Sacca di Goro, Po di Goro, Valle Dindona, Foce del Po di Volano” ed in parte SIC (IT4060004) denominato “Valle Bertuzzi, Valle Porticino-Cannevié”, individuati ai sensi della DIR 92/43/CEE (4387 ha)

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi