Italiano Deutsch English

Lago delle Nazioni – Prati di Spiaggia Romea


L’ambiente
Il Lago delle Nazioni è un lago salmastro che si estende per circa 90 ha tra la Pineta di Volano e la strada Acciaioli che costeggia il complesso di Valle Bertuzzi. Il lago è il residuo della Valle Volano, una valle salmastra formatasi nella parte sud-orientale dell’apparato deltizio del Volano e sviluppatasi nel Basso Medioevo e nel Rinascimento. La valle, generatasi soprattutto per ingressione di acque marine, ha cambiato più volte forma a causa della retrocessione del litorale conseguente la crisi del Po di Volano (dopo la Rotta di Ficarolo del XII secolo) e rimase a lungo in diretto contatto con il mare attraverso la cosiddetta Bocca del Bianco ostruita nel 1909. La Valle Volano (oltre 300 ha) è stata bonificata nel 1963 e il Lago delle Nazioni (90 ha) è stato sistemato alla metà degli anni ’60 per essere adibito ad attività sportive e turistiche. In due anni di lavori fu escavato il fondo (in alcuni punti fino a 6 m) e sistemato il perimetro con la costruzione, nell’area meridionale, di un banchina in cemento. II ricambio delle acque avviene per mezzo di un canale che mette capo alla foce del Volano in località Taglio della Madonnina (Bondesan in Corbetta 1990, Vianelli 1988).

Per Prati Spiaggia Romea si intende l’area orientale della ex Valle Volano (oggi Lago delle Nazioni), un tempo occupata da cordoni litoranei, è stata in parte manomessa negli anni ’60 per creare le infrastrutture necessarie ad una urbanizzazione per fini turistici, fortunatamente non avvenuta (Vianelli 1988). Oggi l’area è occupata da prati umidi salmastri, utilizzati per l’allevamento semi brado di tori e cavalli Delta Camargue.

La flora
Il Lago delle Nazioni è quasi ormai privo di vegetazione acquatica e palustre. La sua sponda orientale, sfuggita alla costruzione di un grande villaggio mantiene una vegetazione residua costituita prevalentemente da cannuccia di palude (Phragmites australis).
Il settore tra il Lago delle Nazioni e la Pineta di Volano, denominato Prati di Spiaggia Romea, è in gran parte occupato da seminativi l’area NO, e da una vegetazione alofila e alotollerante. Nelle zone più depresse con suoli limosi lungamente inondati durante l’anno e con un periodo di disseccamento estivo sono comunità di alofite annuali dominate da Salicornia patula con poche specie compagne (Sint. Suaedo maritimae-Salicornietum patulae).

Nelle zone inondate, salmastre o salate, si insediano prati salsi a Juncus maritimus accompagnato da Aster tripolium, Limonium serotinum, Puccinellia palustris (Sint. Puccinellio festuciformis-Juncetum maritimi). Nelle aree a suolo sabbioso pressoché dissalato, saltuariamente inondate da acque stagnanti, si insedia una fitocenosi rara e localizzata a Juncus maritimus e J. acutus (Sint. Juncetum maritimum-acuti), interessante anche per la presenza di orchidee (Corticelli 1999, Pellizzari e Pagnoni 1998).

La fauna
Fino alla metà degli anni ’70 il Lago delle Nazioni era un sito di svernamento di importanza nazionale per molte specie di anatidi ed in particolare per moretta e moriglione presenti con contingenti di diverse migliaia di individui. Oggi sfortunatamente non presenta emergenze faunistiche di rilievo, lo specchio d’acqua è frequentato da pochi individui di specie ubiquitarie come gabbiano comune, gabbiano reale, germano reale, folaga, cormorano e, in estate, sterna comune e fraticello.
I Prati di Spiaggia Romea vengono generalmente esclusi dai censimenti dell’avifauna, ma da sopralluoghi effettuati si è visto che son frequentati da germano reale, folaga; in inverno dall’alzavola, in estate da cavaliere d’Italia, avocetta. I prati umidi sono frequentati durante le migrazioni da limicoli come pettegola, totano moro, combattente e pittima reale. Grazie alla presenza di cavalli e tori camarguesi è stato uno dei primi siti nel delta frequentato da aironi guardabuoi.

Per visitarli
Accesso permesso con visite guidate a cavallo gestite dal Villaggio Spiaggia Romea.

Tipologia Laghi
Cartografia CTR 1:25.000 - 187SE; 205 NE
Estensione 90 ha
Comune Comacchio
Proprietà Privata
Gestione Privata

Vincoli
Vincolo idrogeologico ai sensi del RD 3267 del 30/01/1923.
L’area è sottoposta agli indirizzi della L. 431/1985 oggi ripresi dal D.L. 490/1999 attualmente vigente.
Fa parte dell’Oasi di Protezone Faunistica denominata “Lidi Ferraresi Nord”, istituita con Del. C.P. 295/10011 del 01/08/1979 e successive modifiche.
Zona Ramsar denominata “Valle Bertuzzi e specchi d’acqua limitrofi”, istituita con D.M. 13 luglio 1981 (G.U. n. 203 del 25/7/81).
Il sito è incluso nella perimetrazione del Parco del Delta, ai sensi della L.R. 27/1988 e dei Piani della Stazione Volano-Mesola-Goro del 1991 e 1997. Il Piano Territoriale del 1991 zonizza il lago come Zona C ed i prati orientali come Zona B (l’ambito urbano di Spiaggia Romea viene escluso dalla zonizzazione); il Piano del 1997 inserisce l’intero comprensorio in zona C (Lago delle Nazioni Zona C.UMI, Prati salmastri ad est Zona C.AGR.D2, Prati salmastri circostanti il centro privato di Spiaggia Romea [C.URB e C.URB.b]).
ZPS e SIC (IT4060004) individuati ai sensi delle DIR 92/43/CEE e 409/79/CEE (2570 ha), denominati “Valle Bertuzzi, Valle Porticino-Cannevié”.

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi