Italiano Deutsch English

Valle Molino

L’ambiente
La Valle Molino, separata dal più grande complesso delle Valli di Comacchio nel 1933 con la bonifica della Valle Isola è immediatamente ad O della via Romea all’altezza di Porto Garibaldi. L’area era, fino al 1996, in condizioni ambientali critiche perché riceveva scarichi industriali e dal depuratore urbano, riceveva le acque eutrofiche dell’emissario di bonifica Guagnino, inoltre è stata sede di poligono di tiro.

Nel 1996 Valle Molino è stata oggetto di un intervento di riqualificazione ambientale attraverso il dragaggio del fondo vallivo e la costituzione di barene e il miglioramento della circolazione idraulica con lo scavo di canali sublagunari e la separazione della valle dal Canale Guagnino e dal Navigabile attraverso chiaviche, costringendo quindi le acque ad un attraversamento completo. La valle è di acqua salmastra ricevendo acque marine dal Canale Navigabile e acqua dolce di bonifica dal Canale Guagnino (RER 1995).

La flora
La vegetazione prevalente è costituita da una vegetazione sommersa dominata da alghe (Sint. Ulvetalia), abbastanza tolleranti acque inquinate. Sui dossi interni e nell’area orientale si rileva la presenza di praterie a Puccinellia palustris (Sint. Limonio narbonensis-Puccinellietum festuciformis) generalmente povere di altre specie tra cui Aster tripolium (alto pregio naturalistico). Nelle aree più rilevate dei dossi si insediano praterie dense dominate da Elytrigia atherica.

La fauna
Attualmente la valle non presenta alcuna priorità faunistica, l’avifauna è piuttosto scarsa e non presenta emergenze di rilievo. Tutto l’anno Valle Molino è frequentata da laridi opportunisti come gabbiano comune e reale, sono inoltre presenti spesso alcuni individui di cormorano, folaga e germano reale. Oltre alle specie suddette, in estate sono presenti alcuni individui di cavaliere d’Italia e avocetta, in inverno di alzavola.

Per visitarla
Attualmente l’area è visitabile solo dagli argini perimetrali. Una buona vista si ha dalla strada che congiunge Comacchio a P.to Garibaldi

Tipologia Lagune e valli salmastre
Cartografia CTR 1:25.000 - 205 SE
Estensione 60 ha
Comune Comacchio
Proprietà Comune di Comacchio
Gestione Parco Delta del Po Emilia - Romagna

Vincoli
Vincolo paesaggistico ai sensi delle L 1497/39 (la carta del Piano Territoriale di Parco non include il sito nella 1497) ed agli indirizzi di cui alla L. 431/1985. Attualmente è comunque sottoposta a vincolo dal D.L. 490/1999 (Art. 146 comma f).
Zona Ramsar denominata “Valli residue del comprensorio di Comacchio” istituita con D.M. 13/07/1981, pubblicato sulla GU n. 203 del 25/07/1981.
Zona B della stazione denominata “Comacchio Centro Storico” del Parco del Delta del Po ai sensi della L.R. 27/1988 e nell’ambito delle perimetrazioni di cui al Piano Territoriale di Stazione.
ZPS (IT4060002) ai sensi della DIR 79/409 CEE (12745 ha) e SIC (IT4060002) ai sensi della DIR 92/43/CEE (12745 ha).

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi