Italiano Deutsch English

CEAS - Delta del Po

Centro di educazione alla sostenibilità dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

"L’unico modo di dare determinatezza al mondo è quello di dargli consapevolezza"



Il Ceas del Parco Regionale Delta del Po è uno dei Ceas Aree Protette, ed ha come riferimento principale la sede della Comunità del Parco di Comacchio, anche se fanno parte del Ceas alcune strutture didattico-informative dislocate sul territorio dell’area protetta:

I Centri di Educazione Ambientale (CEAS) costituiscono un punto di riferimento unico in materia di educazione all'ambiente e allo sviluppo sostenibile per la cittadinanza, le scuole, gli Enti locali e le aziende che vogliono confrontare la propria competenza con i temi della sostenibilità.

I CEAS sono strutture che realizzano progetti di educazione all'ambiente con particolare riferimento ai contesti territoriali in cui sono inseriti, in aderenza ai principi ispiratori dello sviluppo sostenibile.

Ciascuno con un propria metodologia nel proporre i temi della sostenibilità, vanno a costituire insieme la rete dei Centri di educazione Ambientale della Regione Emilia-Romagna.

I Centri di educazione ambientale si impegnano nella realizzazione di percorsi educativi, di soggiorni didattici, di iniziative di formazione, si occupano di documentazione e ricerca, di comunicazione e di informazione.

Le loro attività sono rivolte a tutta la comunità locale, avendo come obiettivo fondante quello di promuovere e gestire spazi di progettazione partecipata e condivisa, condizione essenziale per un processo di apprendimento complesso e sistemico in interscambio con l'ambiente circostante.

 

 

 

La struttura del Ceas è composta da alcuni dipendenti dell’Ente Parco, alcuni progetti sono gestiti e organizzati direttamente dal personale, altri sono invece realizzati da soggetti esterni che collaborano con l’Ente nella gestione dei Centri Visita

Il CEAS Aree protette Delta del Po collabora inoltre attivamente con i CEAS Intercomunale Delle Valli e dei Fiumi, Bassa Romagna,  Polo Adriatico/Labter Cervia, Multicentro RA 21 e Centro IDEA Ferrara e coopera con il Museo di Storia Naturale di Ferrara, il Centro di Educazione Ambientale della Salina di Comacchio (Fe) e la Riserva Naturale Orientata Dune Fossili di Massenzatica (Mesola – Fe), il Centro Didattico H2O di Santa Giustina di Mesola (Fe) e l’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo (Ra).

 

 

Centro Visite Saline di Cervia

 

 

 

Porta sud del Parco del Delta del Po, la Salina di Cervia è un ambiente unico, riconosciuto dalla Convenzione di Ramsar quale zona umida di importanza internazionale per il suo elevato valore naturalistico e paesaggistico. Al centro visite le scuole possono approfondire l’ambiente salina, con escursioni, laboratori e visite guidate. Alcune proposte sono disponibili anche in lingua inglese.
Info e prenotazioni: Via Bova, 61 Cervia (Ra) - Tel. +39 0544 973040 Fax +39 0544 974548
E-mail: salinadicervia@atlantide.net - www.salinadicervia.it
Apertura: aprile-giugno, sabato, domenica e festivi 10.00-12.30 / 14.30-tramonto; giugno-settembre: tutti i giorni 15.30-tramonto; settembre-novembre, sabato, domenica e festivi 10.00-12.30 /14.30-tramonto.

 


Ecomuseo delle Valli di Argenta

 

 

 

Al Centro Visite Valli di Argenta, a ovest del Parco del Delta del Po, si possono approfondire diverse tematiche: nella sezione storica e antropologica l'aspetto relativo all'evoluzione del territorio e delle modalità di vita del passato; nella sezione naturalistica un percorso che tratta  i quattro ambienti naturali dell'oasi di Campotto, il bosco igrofilo, il prato umido, il canneto e lamineto.

Info e prenotazioni: Via Cardinala, 1/c - 44011 Campotto di Argenta (Fe) Tel. + 39 0532/808058 - Fax + 39 0532/808001 info@vallidiargenta.org   www.vallidiargenta.org
Orari di apertura del museo e dell’area naturalistica: Aperto da martedì a domenica e festivi dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.00. Nei mesi di luglio e agosto aperto dalle 9.00 alle 13.00; il pomeriggio su prenotazione per gruppi di almeno 5 persone (consigliata la prenotazione anticipata).

 


Manifattura dei Marinati di Comacchio- Centro di Documentazione Cinematografica del Delta del Po

 

 

 

La Manifattura dei Marinati raccoglie la tradizione e la cultura di Comacchio, una città che da sempre ha uno stretto legame con le sue Valli. Diverse le attività che vengono organizzate e svolte all'interno del Centro Visite: corsi di birdwatching, micologia, conoscenza del territorio, incontri e meeting.

Accanto al centro ha sede anche il Centro di Documentazione Cinematografica del Delta del Po che  raccoglie e documenta la storia del cinema girato in quest’area e ne favorisce la conoscenza come fenomeno artistico-culturale, offrendo contestualmente una lettura dinamica del territorio, che rafforza il rispetto dell’ambiente e la memoria collettiva.

Info e prenotazioni: C.so G. Mazzini, 200 - 44022 Comacchio (Fe) Tel/Fax + 39 0533/81742
E-mail:
manifatturadeimarinati@parcodeltapo.it  - www.parcodeltapo.it
Apertura: novembre-febbraio 9.30-13.00 / 14.30-18.00; marzo-ottobre 9.30-12.30 / 15.00-19.00. Chiuso il lunedì.


 


Museo del Bosco e del Cervo della Mesola

 

 

 

Nella suggestiva cornice del Castello di Mesola è situato il Museo del Bosco e del Cervo della Mesola, un omaggio al territorio e un invito a scoprire la ricchezza di storia, cultura, tradizioni e natura che vi si celano. Il museo illustra, attraverso documenti cartografici, l’evoluzione del territorio mesolano ed in particolare della Riserva Naturale Gran Bosco della Mesola, mentre una sezione è interamente dedicata al Cervo.
Info e prenotazioni: Castello Estense - Piazza S. Spirito - 44026 Mesola (Fe) Tel. + 39 339 1935943 Fax: + 39 0533 993358.
E-mail: museodelcervo@gmail.com
Apertura: novembre-marzo 9.30-12.30 / 14.30-17.30; aprile-ottobre 9.30-12.30 / 15.00-18.00. Chiuso il lunedì.

 

 

NatuRa Museo Ornitologico e di Scienze Naturali "Alfredo Brandolini" - Sant'Alberto

 

 

 All'interno del Palazzone di Sant'Alberto convivono due realtà importanti per il territorio: il centro visite del Parco Stazione "Pineta di San Vitale e Pialassa di Ravenna" e il Museo NatuRa. Le attività didattiche si svolgono attraverso incontri tematici e laboratori di approfondimento per scolaresche dei diversi ordini e gradi, escursioni in natura, a piedi ed in bicicletta, in pulmino elettrico.

Info e prenotazioni: Via Rivaletto, 25 - 48020 Sant'Alberto (Ra) Tel. 0544/528710-529260 - Fax 0544/528710
E-mail: infonatura@comune.ra.it - www.natura.ra.it

Apertura: da gennaio a giugno e da settembre a dicembre martedì, mercoledì e giovedì 9.30-13.00; venerdì, sabato, domenica e festivi 9.30-13.00/14.00-18.00. Luglio e agosto: da martedì a domenica 9.00-13.00.

 

 

Centro Visite Cubo Magico La Bevanella

    Il Cubo Magico è una struttura accogliente e funzionale, un museo interattivo che illustra l’evoluzione geologica del territorio. Circondato da un’ampia area verde, di grande valenza ambientale fra le zone umide dell’Ortazzo e Ortazzino, la storica Pineta di Classe e il fiume Bevano,  il centro visite è il naturale punto di partenza per escursioni a piedi, in barca elettrica, in bicicletta, in canoa.

Info e prenotazioni: Via Canale Pergami - 48015 Savio (Ra) Tel. + 39 335 5632818 Fax + 39 0544 974548
E-mail: bevanella@atlantide.net - www.atlantide.net/bevanella
Apertura: 1 aprile - 11 giugno/2 settembre – 1 ottobre e sabato 15.00 – 18.00; domenica e festivi 9.30 – 12.30 / 15.00 – 18.00; 12 giugno – 31 agosto tutti i giorni 17.00 – 19.00.

 

 

Museo del Territorio e Vallette di Ostellato

 

 

 Nell’oasi naturalistica Vallette di Ostellato, residuo delle antiche Valli del Mezzano, è possibile praticare  birdwatching ed escursioni a piedi o in bicicletta. L’itinerario si integra con la visita del Museo del Territorio, una mostra che illustra l'evoluzione della terra e dell'uomo nella storia: le attività didattiche sono articolate in moduli ad indirizzo astronomico, geologico, archeologico-antropologico e naturalistico-ambientale.

Info e prenotazioni: Vallette di Ostellato  0533 681240 - 347 2165388 vallette@atlantide.net
Museo del Territorio Strada del Mezzano, 14 - 44020 Ostellato (Fe) Tel/Fax +39 0533 681368
museodelterritoriodiostellato@gmail.com www.ostellatomuseo.it
Apertura: 15 settembre - 15 giugno mar-gio-ven 9.30-13.00, mer 14.30-18.00; 16 giugno - 14 settembre gio-ven-sab-domenica e festivi 10.00 – 18.00.

 

Altri Centri:

Ecomuseo della Bonifica di Lagosanto

 

 

 

 

Il nuovo ecomuseo è composta dal Centro di documentazione della bonifica meccanica, Casa della memoria e dall’Erbario di Lagosanto.

Strada Provinciale per Codigoro – Loc. Marozzo Lagosanto (Fe)
Tel. + 39 0533/993176
E-mail:
info@fattoriedeldelta.it

 

 

Ecomuseo delle Erbe palustri di Villanova di Bagnacavallo

 

 

 

 

L'Ecomuseo inizia la sua attività di ricerca e recupero nel 1985, con la finalità primaria di salvare e documentare un bagaglio di capacità e valori legati alla vita vissuta fra terra e valle......

Via Ungaretti, 1 Villanova di Bagnacavallo (Ra)
Tel/Fax + 39 0545/47122 - + 39 320/3853409-380/2338398
E-mail:
erbepalustri@comune.bagnacavallo.ra.it

 

 

MUSA - Museo del Sale di Cervia

Il Museo del Sale è nato per volontà del Gruppo Civiltà Salinara di Cervia che ha operato in ambito locale con intenzione di raccogliere, restaurare e tutelare gli attrezzi e i manufatti relativi allo specifico tipo di cultura materiale, e con lo scopo, non secondario, di stimolare ricerche, documentazioni e studi specifici per recuperare tutta la mole del vasto e complesso patrimonio storico. In un'ampia ala del seicentesco Magazzino del sale, cuore storico di Cervia, completamente ristrutturato, trova così spazio un piccolo grande museo dove sono testimoniate le fasi della raccolta del sale prima dell'avvento della meccanizzazione del processo estrattivo, datato verso la fine degli anni Cinquanta del secolo scorso. Un percorso guidato fa capire perché il sale fosse chiamato oro bianco e presenta gli elementi che hanno caratterizzato la storia di Cervia e della sua salina.
Per illustrare e semplificare questi temi sono stati utilizzati audiovisivi, pannelli, immagini e plastici. Non manca una sala con gli strumenti utilizzati in passato per la produzione del sale col sistema artigianale a raccolta multipla. Qui è possibile anche ammirare la burchiella: barca in metallo a fondo piatto capace di contenere fino a 80 quintali di sale.
Una nuova sezione del museo è stata inaugurata il 10 maggio 2013, per completare il primo percorso museologico realizzato nel 2004. In  essa si approfondiscono le origini del territorio, la fondazione  della città nuova, lo sviluppo dell’agricoltura, il mare con il commercio del sale, la pesca,  e lo sviluppo  del turismo. Attraverso grandi pannelli è offerto un viaggio nella storia della  città attraverso  carte topografiche, disegni, acquerelli, cartoline,  carte nautiche , portolani, piante e sezioni di edifici, progetti e prospetti, che raccontano e mostrano un territorio in evoluzione dalla vecchia città in mezzo alle saline allo sviluppo del  turismo balneare.

MUSA, Museo del Sale di Cervia
Via Nazario Sauro, 24 - Magazzino del sale “Torre”
48015 Cervia (RA)
Tel./Fax + 39 0544-977592
e-mail:
musa@comunecervia.it
www.musa.comunecervia.it

 

Ingresso gratuito

Dal 20 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni 15.00 - 19.00
Dal 7 gennaio al 31 maggio e dal 16 settembre al 19 dicembre sabato, domenica e festivi  15.00 - 19.00
apertura su richiesta per gruppi dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30 *
Dal 1 giugno al 13 settembre  tutti i giorni 20.30 - 23.30 su richiesta il giovedì dalle 9.00 alle 12.00 *

* per ottenere l'apertura su richiesta è necessario chiamare il numero 338 9507741 ed entro un'ora un operatore verrà ad aprire il museo

 

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi