Italiano Deutsch English

Ortaggi

I terreni a tessitura sabbiosa presenti nel Parco sono ideali per conferire elevate qualità organolettiche alle colture orticole. I terreni più sciolti sono adatti all’asparago, mentre quelli ricchi di sostanza organica e ben drenati si prestano alla coltivazione di cocomero, melone e zucche. Nelle aziende agricole del Parco, solitamente di piccole dimensioni, gli ordinamenti colturali sono per lo più ad indirizzo orticolo e prevedono oltre alla coltivazione di asparago (Asparagus officinalis), melone (Cucumis melo), cocomero (Citrullus lanatus) e zucca (Cucurbita pepo) anche cereali come il grano e il mais, ed altre orticole quali pomodoro (Lycopersicum esculentum), fragola (Fragaria vesca) e carota (Daucus carota).

L’asparago è una pianta perenne provvista di rizoma sotterraneo detto “zampa”, da qui spuntano i germogli detti “turrioni” che sono la parte commestibile.

Il cocomero e il melone hanno necessità di molto sole, i loro fusti sono striscianti a terra, entrambi vanno raccolti al momento giusto di maturazione che coincide con il disseccamento del viticcio prossimo al frutto e al tipico suono sordo che si avverte alla percussione del frutto.

Il melone caratteristico per il suo profumo è consumato come frutta o come antipasto accompagnato al prosciutto crudo; è usato anche in cosmesi per la cura delle pelli secche. Le piante delle zucche sono molto vigorose, con fusto strisciante lungo anche diversi metri. Le foglie e i fusti sono ricoperti da peli ruvidi, i fiori grandi e giallo intenso. La raccolta inizia a fine estate e si protrae sino a novembre; i frutti si lasciano al sole a completare la maturazione per essere conservati durante l’inverno.

La zucca trova ampio utilizzo in cucina per condire pasta e riso, nella realizzazione di pasta fresca ripiena e per realizzare torte e creme. Nelle aziende agricole del Parco, solitamente di piccole dimensioni, gli ordinamenti colturali sono per lo più ad indirizzo orticolo e prevedono oltre alla coltivazione di asparago (Asparagus officinalis), melone (Cucumis melo), cocomero (Citrullus lanatus) e zucca (Cucurbita pepo) anche cereali come il grano e il mais, ed altre orticole quali pomodoro (Lycopersicum esculentum), fragola (Fragaria vesca) e carota (Daucus carota).

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi