Italiano Deutsch English


Punte Alberete

Il percorso di visita a Punte Alberete è un sentiero pedonale ad anello di circa 2 chilometri, che parte dal parcheggio sulla statale 309 Romea, a ridosso del canale Fossatone. Il primo tratto attraversa il bosco primigenio allagato di frassini e salici; si prosegue poi nella parte più aperta della palude, tra canneti, chiari e prati umidi, fino a giungere all’area attrezzata con schermature e il capanno per il birdwatching.
Qui si ha la certezza di osservare specie straordinarie, tutte nidificanti nella palude. Nitticore e sgarze ciuffetto involano dai salici, mentre gli aironi rossi si alzano dai folti canneti; i chiari sono popolati da morette tabaccate e fistioni turchi, che in primavera compiono spettacolari voli di corteggiamento. Davanti al capanno è facile osservare i marangoni minori e i mignattai, mentre si alimentano nelle acque limpide. Terminato il percorso è possibile raggiungere, poco più a nord, la Valle Mandriole, dalla cui alta torre panoramica si domina la grande garzaia insediata tra le canne e i saliconi.


Pineta di San Vitale e Pialassa della Baiona

Il percorso, che inizia presso la Ca’ Vecia nella pineta di San Vitale, è un sentiero pedonale di circa 4 chilometri. Il primo tratto si addentra nella pineta, che ad un tratto si apre nella spettacolare bassa del Pirottolo, lingua d’acqua e canneti che serpeggia tra i pini domestici. Oltre la bassa, il bosco diviene più termofilo, mentre ci si avvicina alle rive della pialassa della Baiona, come ad antiche spiagge. Qui è possibile seguire un argine che si addentra nella laguna, lungo il chiaro del Comune, stagno salmastro in cui sostano migliaia di uccelli di passo e dove nidificano volpoca, fistione turco e canapiglia; qui, inoltre, si alimentano regolarmente marangone minore, mignattaio e spatola.
Sul lato opposto si apre la Polalonga, parte di laguna sui cui dossi, appositamente realizzati, nidificano gabbiano roseo, gabbiano corallino, sterna zampenere, sterna comune e fraticello. Il ritorno attraversa un’altra singolare zona umida salmastra, la buca del Cavedone, che si insinua nella pineta collegando la bassa del Pirottolo alla pialassa.

Apri la mappa del percorso birdwatching

NEWSLETTER

Per essere continuamente aggiornati sulle attività dell'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po

Iscriviti Cancellati

invia
AREA LEADER

L'Area Leader si estende su un vasto territorio comprendente 19 comuni delle province di Ferrara e Ravenna...

Vedi
MAPPARE IL FUTURO

Il portale scientifico del Parco Delta Po
Conoscere, comprendere e diffondere in "rete" le dinamiche territoriali che si sviluppano in ambiti costieri...

Vedi