Logo del ParcoLogo del Parco
Condividi
Home » Natura e territorio » Il Parco del Delta del Po emiliano-romagnolo

Carta d'identità del Parco

Un parco disegnato dall'acqua...

Il Parco del Delta del Po dell'Emilia-Romagna possiede caratteristiche territoriali ed ecologiche che lo rendono unico nel suo genere. Copre infatti una superficie complessiva di oltre 52.000 ettari di aree considerate tra le più produttive e ricche di biodiversità: il Parco dispone quindi di una carta d'identità di tutto rispetto.
Pur essendo una delle Aree Protette più antropizzate ed economicamente sviluppate del Paese, il Parco del Delta del Po dell'Emilia-Romagna conserva al proprio interno la maggiore estensione italiana di zone umide tutelate. Per questo, il Parco del Delta del Po dell'Emilia - Romagna ha sostenuto e realizzato l'Associazione internazionale dei parchi deltizi: Delta chiama Delta.
Il Delta del Po proprio per la sua storia di crocevia culturale ed economico tra Occidente ed Oriente conserva al proprio interno importantissime vestigia del suo splendido passato. Così nel Parco emiliano-romagnolo coesistono in meraviglioso equilibrio eccellenze naturalistiche e stupende testimonianze d'arte e di cultura riconosciute anche dall'Unesco.
Il Parco del Delta del Po è un'Area Protetta di grande complessità per essere allo stesso tempo Parco terrestre, Parco fluviale e Parco costiero. Ma non c'è dubbio che l'elemento naturale che più di altri lo connota è l'acqua anche se, per raggiungerlo, esistono comode vie di comunicazione.
E' il rapporto instabile tra acqua e terra, il loro sempre precario equilibrio, che nel Delta del Po ha determinato un paesaggio così mutevole in cui boschi, pinete e foreste allagate si alternano a zone umide interne d'acqua dolce o salate. La biodiversità nel comprensorio deltizio è straordinaria in particolare per la presenza di oltre 280 specie di uccelli.
Gli aspetti più caratteristici del Delta sono approfonditi nei Centri Visita e nei musei inseriti nel territorio del Parco.

Salina di Comacchio
Salina di Comacchio
(foto di: Archivio Parco Delta del Po Emilia-Romagna)
 

(foto di: Pixcube)
 

La Flora

La flora del Delta del Po è un patrimonio di associazioni vegetali caratterizzate da un'elevata ricchezza di specie, dovuta alla grande diversità di ambienti presenti nel Parco: dalle scarne praterie di salicornia, ai rigogliosi boschi di farnie, frassini e ontani, alle ammophile che colonizzano le sabbie delle dune costiere, ai canneti che ancora caratterizzano ampi tratti del paesaggio. Tra le comunità vegetazionali più diffuse troviamo le alofite, piante che crescono su diffuse superfici perennemente o stagionalmente inondate di acqua salata.

Ulteriori informazioni


(foto di: PR Delta Po ER)
 

La Fauna

Il territorio del Parco del Delta dell'Emilia-Romagna è considerato uno degli ultimi complessi superstiti e meglio conservati delle zone umide europee, che racchiude un mosaico eterogeneo di habitat, dai fiumi e stagnanti d'acqua dolce alle lagune e valli di acqua salmastra, dalle aree dunali residuali ai boschi planiziali ed igrofili alle pinete costiere.

Ulteriori informazioni


(foto di: PR Delta Po ER)
 

Flora (specie protette presenti)

Consulta l'elenco della flora presente nell'area:
  • Salicornia veneta (Salicornia veneta Pignatti & Laus)
  • Erba pesce (Salvinia natans)

Fauna (specie protette presenti)

Consulta l'elenco della fauna presente nell'area:
  • Cervo nobile (Cervus elaphus Linnaeus, 1758 )
  • Daino (Dama dama)
  • Faina (Martes foina)
  • Tasso (Meles meles)
  • Donnola (Mustela nivalis Linnaeus, 1766)
  • Puzzola (Mustela putorius)
  • Ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum)
  • Barbastello (Barbastella barbastellus)
  • Serotino comune (Eptesicus serotinus)
  • Pipistrello di Savi (Hypsugo savii)
  • Vespertilio di Bechstein (Myotis bechsteinii)
  • Vespertilio di Daubenton (Myotis daubentoni)
  • Nottola gigante (Nyctalus lasiopterus)
  • Nottola comune (Nyctalus noctula)
  • Pipistrello albolimbato (Pipistrellus kuhli)
  • Pipistrello di Nathusius (Pipistrellus nathusii)
  • Pipistrello nano (Pipistrellus pipistrellus)
  • Orecchione meridionale (Plecotus austriacus)
  • Riccio (Erinaceus europaeus Linnaeus, 175)
  • Crocidura ventre bianco (Crocidura leucodon)
  • Crocidura minore (Crocidura suaveolens)
  • Toporagno d'acqua di Miller (Neomys anomalus Cabrera, 190)
  • Toporagno comune (Sorex araneus Linnaeus, 175)
  • Mustiolo (Suncus etruscus)
  • Istrice (Hystrix cristata )
  • Nutria (Myocastor coypus)
  • Moscardino (Muscardinus avellanarius)
  • Scoiattolo (Sciurus vulgaris Linnaeus, 175)
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
© 2020 Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po
C.so Mazzini, 200 - 44022 Comacchio (FE)
Telefono 0533/314003 - FAX 0533/318007
Posta certificata: parcodeltapo@cert.parcodeltapo.it
Pagamenti OnLine PayER
Area riservata - URP - Privacy - Note legali - Elenco siti tematici - Dichiarazione di accessibilità